Home > Novità > Come accorciare le penne delle ali di una gallina o di un pollo
Accorciare le penne delle ali a una gallina: ecco come fare

Come accorciare le penne delle ali di una gallina o di un pollo

ATTENZIONE: ACCORCIARE LE PENNE DELLE ALI DI UNA GALLINA NON COMPORTA PER L’ANIMALE SOFFERENZA, NON INFLUISCE NEGATIVAMENTE SUL SUO COMPORTAMENTO O CON LE SUE FUNZIONI VITALI, E METTE AL RIPARO L’ANIMALE DA MOLTEPLICI PERICOLI. Questo disclaimer è importante per chiarire fin da subito che la pratica di cui parleremo, ovverosia come accorciare le penne delle ali di una gallina, appunto, è totalmente innocua per l’animale che non subisce così maltrattamento alcuno e che va usata per prevenire situazioni potenzialmente pericolose per il soggetto stesso. Inoltre è importante spiegare bene come procedere, per evitare che questa operazione normalmente innocua possa essere compiuta in maniera errata comportando problemi ai nostri avicoli.

I polli, anche se tendiamo a dimenticarcene, sono e rimangono pur sempre uccelli e, come tali, possono anche stupirci con dei voli più o meno lunghi in relazione alla taglia dell’animale. Se una grossa e pesante gallina Brahma o una Collo Nudo industriale si limiteranno a svolazzare su e giù dai posatoi, le razze leggere e i polli nani riusciranno a percorrere in volo a volte anche qualche decina di metri e a sollevarsi da terra di 3-4 metri. Questo può non rappresentare un problema, se il vostro recinto è perfettamente protetto da ogni predatore e/o se vivete lontano da luoghi che possano o rappresentare potenziali fonti di pericolo per i vostri animali, o esser messi in pericolo (al contrario) dai vostri amati polli.

I polli, anche le razze medio-pesanti o pesanti, restano uccelli capaci di voli più o meno lunghi.

Se il vostro recinto è protetto anche verso l’alto non un’apposita rete (reti antipassero o reti da fagiani) e i vostri polli non possono mettersi in pericolo (o causarne), non vi servirà mai sapere come accorciare le penne delle ali di una gallina o di un pollo. Ma se il vostro recinto è scoperto e se rischiate che il pollo finisca in una delle situazioni che vi elencheremo, potrebbe esservi utile imparare a farlo correttamente. Vediamo quindi insieme quando potrebbe essere necessario accorciare le penne delle ali di una gallina:

  • Se il recinto dei vostri polli confina con una strada: le galline potrebbero volare fuori e farsi investire dalle auto, o causare incidenti sbattendo contro i veicoli in corsa.
  • Se i vostri vicini hanno cani liberi in giardino o in campagna: i polli potrebbero facilmente finire nelle altrui proprietà e venire uccisi e divorati.
  • Se vicino al pollaio ci sono orti, frutteti o campi coltivati: i vostri polli potrebbero prendere l’abitudine di volarvi dentro, causando danni alle verdure o alle coltivazioni.

Insomma, ci sono numerose situazioni per cui potrebbe essere necessario accorciare le penne delle ali di una gallina per salvarle la vita. Se state pensando che basti aumentare l’altezza del recinto, temiamo di dovervi disilludere: razze leggere di polli ( e le nane ancor di più) possono tranquillamente superare recinti di 3-4 metri d’altezza senza particolari problemi. Come agire quindi?

La soluzione più semplice e meno invasiva per l’animale, quella che comporta probabilmente per lui il minor disturbo in assoluto, è quella di accorciare le penne remiganti primarie di un’ala. I polli hanno, lungo il margine esterno dell’ala, due file di penne: le remiganti secondarie, più vicine al corpo, e le remiganti primarie, più distali. Nella figura qui sotto ecco evidenziata la corretta linea di taglio da mantenere durante l’operazione.

Accorciare le penne delle ali a una gallina: ecco come fare
La linea corretta di taglio per accorciare in modo appropriato le penne delle ali a una gallina

Vediamo ora più da vicino questa pratica e cosa comporta:

  • Per l’animale può essere doloroso? In generale, NO. Le penne sono strutture cornee della pelle che hanno una loro struttura omologa nel pelo dei mammiferi: entrambe derivanti da placodi, entrambe con funzione di termoregolazione, entrambe formate da cheratina. Accorciare le ali di una gallina non sembra essere per l’animale più doloroso di quel che sia la toelettatura per un cagnolino. Importante però risulta che il pollo sia stato abituato per tempo ad essere manipolato in modo da minimizzare per lui l’eventuale stress dell’operazione, derivante appunto dall’esser preso in braccio e tenuto fermo.
  • Perché accorciare le penne di una sola ala? Per sbilanciare l’animale all’atto del volo. Tagliando le penne di entrambe le ali il pollo avrà una superficie alare ridotta ma bilanciata, e potrebbe ancora volare (anche se meno di prima). Tagliando le penne di una sola ala dopo i primi tentativi di volo l’animale, sentendosi sbilanciato, inizierà a desistere.
  • Ci sono situazioni in cui non va effettuata? In generale, quando si fa? Bisognerebbe accorciare le penne delle ali di una gallina o di un pollo sono quando l’animale ha finalmente terminato la muta, quando le penne risultano cresciute del tutto e il piumaggio completo. Se tagliassimo le penne delle remiganti quando le penne sono in crescita, rischieremmo di provocare un’emorragia in quanto in questo delicato periodo sono irrorate da vasi sanguigni. Le penne delle ali vanno quindi accorciate solo quando sono mature e senza mai arrivare troppo vicino alla loro base.
I polli possono sorprenderci per le loro capacità di fuga.
I polli possono sorprenderci per le loro capacità di fuga.
  • Ma se accorciamo le penne delle ali la gallina non volerà mai più? Assolutamente NO: le penne ricresceranno normalmente con la muta del piumaggio successiva al taglio, e nel giro di un anno le ali saranno come nuove. A volte basta questo lasso di tempo per abituare gli animali a non volare fuori più dal recinto, rendendo non più necessario l’accorciar loro le penne.
  • Il pollo con le penne di un’ala accorciata avrà dei problemi? In generale NO: continuerà a fare la solita vita, non avrà eccessivi problemi durante l’accoppiamento (se maschio), potrà comunque svolazzare fino ai posatoi notturni e anche a livello estetico non mostrerà grossi segni, se il taglio è stato fatto correttamente, in quanto a riposo le remiganti primarie sono spesso quasi totalmente coperte dalle secondarie. IMPORTANTE: se allevate galline da esposizione ricordate che gli animali con penne tagliate o mancanti non sono ammessi alle mostre.
  • Non sarebbe più comodo e pratico strappare semplicemente le penne? Ancora una volta, NO: l’operazione sarebbe estremamente dolorosa per l’animale e per di più la sua efficacia durerebbe poche settimane, in quanto al pollo le penne strappate ricrescono in poco tempo. Per tornare all’analogia pelo-penna, immaginate la barba di un uomo: accorciare le penne come vi abbiamo descritto equivale a tagliare la barba con le forbici, strappare le penne significherebbe togliere la barba dell’uomo con una ceretta… Riusciamo a rendere l’idea?

In questo breve video ecco mostrato come accorciare le penne delle ali di una gallina:

Per l’allevamento dei tuoi animali, ricordati sempre che Novital ti è accanto in ogni fase della loro vita con prodotti mirati e studiati per il loro benessere. A questo link ecco la gamma di prodotti Novital per l’avicoltura.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi