Home > Avicoltura > La speratura delle uova: come effettuarla e come interpretarla al meglio.
La speratura delle uova è un'operazione utile per buon proseguimento dell'incubazione artificiale

La speratura delle uova: come effettuarla e come interpretarla al meglio.

La speratura delle uova è quell’operazione che ci permette, illuminando con una fonte di luce l’interno dell’uovo messo a incubare, di capire se lo sviluppo embrionale stia procedendo o meno bene.
Va effettuata più volte nel corso dell’incubata; ricordiamo che la speratura delle uova NON DANNEGGIA L’EMBRIONE E NON COMPROMETTE L’ESITO DELL’INCUBAZIONE. Anzi, è molto importante perché ci permette di eliminare uova incrinate o con embrioni morti che rischierebbero di rompersi o di marcire compromettendo anche tutte le altre uova sane.

La speratura delle uova si effettua al buio, facendo passare una fonte di luce dalla calotta ottusa dell’uovo alla punta acuta.  In generale per uova dal guscio bianco o roseo può bastare la torcia inclusa nei moderni smartphone per riuscire a effettuarla in maniera corretta. Per la speratura delle uova a guscio molto scuro, come ad esempio quelle della razza francese Marans, potrebbe essere utile l’uso di un vero sperauova come la nostra lampada sperauova.

Per effettuare la speratura delle uova, in generale si spegne l’incubatrice, la si apre e si estraggono rapidamente le uova, passandole sotto la fonte di luce. Cercate di non far durare l’operazione più a lungo di pochi minuti, per evitare che le uova si raffreddino troppo. Ecco nella nostra infografica come interpretare le situazioni più comuni in cui ci si può imbattere:

La speratura delle uova
La speratura delle uova
  1. Giorno 0. Effettuiamo la speratura delle uova prima di incubare. Queste si presentano uniformemente chiare con la calotta ottusa appena più chiara (camera d’aria). Se per caso notaste una ragnatela di linee sottili chiare che percorre il guscio, scartate l’uovo: si tratta di un’ammaccatura con conseguenti crepe, che probabilmente farà degenerare l’uovo in poco tempo.
  2. Giorno 6. Nelle uova in cui lo sviluppo embrionale prosegue bene noteremo che la distinzione tra uovo e camera d’aria è netta ed è presente una sorta di “ragnetto” rosso, che si muove appena: si tratta dell’embrione con gli annessi vasi embrionali. Se l’uovo si presenta come al giorno 0, totalmente chiaro, scartatelo: non era fertile o l’embrione è morto nei primissimi giorni (cosa comune nelle uova che vengono spedite via posta). Se l’uovo presenta una sorta di anello rosso o nerastro (“anello di sangue”) scartatelo: l’embrione è morto nei primi 3 – 4 giorni di sviluppo.
  3. Giorno 14. Con la speratura delle uova noteremo che quasi tutto l’uovo è occupato dall’embrione, ma la parte subito sotto la camera d’aria è ancora visibile e ricca di vene. L’embrione si muove vigorosamente. Se invece notate una grossa macchia rosso-nerastra, immobile, con pochissime vene o nessuna addirittura, scartate l’uovo: l’embrione è morto dopo la prima settimana di sviluppo.
  4. Giorno 18. Al passaggio in schiusa noterete che oramai quasi tutto l’uovo appare nero, solo con poche vene ancora visibili a ridosso della camera d’aria. Spegnete il motorino girauova e lasciate riposare le uova senza muoverle per gli ultimi giorni.
  5. Giorno 20. Se osservaste l’uovo adesso, quando la schiusa è prossima, notereste come la camera d’aria si sia molto ingrandita e inclinata, e si come una piccola punta emerga all’interno di essa: è il becco del pulcino pronto a forare l’uovo. Ma al 20 giorno, tranne casi eccezionali, non si fa più la speratura delle uova!
  6. Giorno 21. C’è bisogno di dirlo… se tutto è andato bene… CIP CIP!

Per vedere come effettuare la speratura delle uova, potete anche visionare questo video presente nella nostra pagina Facebook:

 

Continuate a seguirci per altri contenuti interessanti, e buon allevamento!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi